Blog: http://cittapaesaggio.ilcannocchiale.it

sulle forme dell'ambiente

 

 Percorrendo un selciato
sconnesso e antico…

 

E' un' umile cosa, non si può nemmeno confrontare con certe opere d'arte, d’autore, stupende, della tradizione italiana. Eppure io penso che questa stradina da niente, così umile, sia da difendere con lo stesso accanimento, con la stessa buona volontà, con lo stesso rigore, con cui si difende l’opera d’arte di un grande autore. [...] Nessuno si batterebbe con rigore, con rabbia, per difendere questa cosa e io ho scelto invece proprio di difendere questo. [...]  Voglio difendere qualcosa che non è sanzionato, che non è codificato, che nessuno difende, che è opera, diciamo così, del popolo, di un’intera storia,  dell’intera storia del popolo di una città, di un’infinità di uomini senza nome  che però hanno lavorato all’interno di un’epoca che poi ha prodotto i frutti più estremi e più assoluti nelle opere d’arte e d’autore. [...] Con chiunque tu parli, è immediatamente d’accordo con te nel dover difendere [...] un monumento, una chiesa, un campanile, un ponte, un rudere il cui valore storico è ormai assodato ma nessuno si rende conto che quello che va difeso è proprio [...] questo passato anonimo, questo passato senza nome, questo passato popolare.

 
Pier Paolo Pasolini, La forma della città (1974)

Pubblicato il 11/10/2007 alle 12.58 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web